Ferrovia Transiberiana: avanti tutta!

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La Transiberiana è la ferrovia più lunga del mondo: 9.288 chilometri di binari che collegano l’Europa all’Oriente da Mosca a Vladivostok.  Attraversa 8 fusi orari entro cui sono comprese 12 regioni, 86 città e 16 fiumi.
Costruita dallo zar Nicola II, è la ferrovia più antica del mondo, e nel 2019 per il suo riammodernamento saranno stanziati 579,4 miliardi di rubli (circa 10 miliardi di dollari).

Il 50% del traffico nazionale e  internazionale della Russia passa attraverso il corridoio.

Sulle sue rotaie viene gestito quasi completamente l’intero trasporto containerizzato dalla Cina alla Finlandia.

Gli  investimenti da parte delle Ferrovie russe saranno destinati a:

  • rimodernare il materiale rotabile
  • costruire ventimila km di nuova pista ferroviaria
  • aggiornare le ferrovie esistenti
  • costruire linee verso 18 zone industriali che richiederanno uno sviluppo massiccio di terminali e centri logistici

Se dovesse essere completato tutto il progetto, il miglioramento aumenterà ‘ la capacità delle  linee di 40 milioni di tonnellate di merci all’anno.

A progetto concluso la Russia sarà in grado di mettere in difficoltà il vecchio continente, perché il trasporto su rotaia si dimostrerebbe più  competitivo piuttosto che via mare.

A tale proposito anche MSC, il più importante player mondiale di navi container, sta muovendo passi in avanti nei confronti delle Ferrovie Russe per trasferire i container sui porti.

Un investimento così importante porterà una grande rivoluzione all’interno del trasporto intermodale: la cooperazione tra i diversi paesi per consolidare il transito e la possibilità di armonizzare la legislazione ferroviaria saranno fondamentali per garantire le opportunità di sviluppo del business ferroviario tra l’Europa e l’Asia.