La rivoluzione dei Gilet Gialli

Din păcate acest articol este disponibil doar în italiană. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

I blocchi del traffico organizzati in Francia dai “gilet gialli” hanno provocato chilometri di code e innumerevoli camion bloccati al confine con la Spagna; gli incolonnamenti hanno raggiunto 20 km di coda in autostrada. I blocchi dei vari depositi di carburante hanno causato le prime carenze di benzina, in Bretagna numerose stazioni di servizio sono a secco e le autorità locali hanno cominciato a razionare la benzina.
Ma facciamo un passo indietro! Com’è nato tutto questo? Chi sono i gilet gialli?

Nascono nei social network: i gilet gialli hanno portato nelle piazze una protesta senza precedenti: non organizzata, senza leader e slegata da partiti politici e sindacati.
“Dobbiamo tassare di più ciò che più inquina” così il presidente francese giustifica l’aumento delle accise sul carburante. È così che i Gilet Gialli protestano!
Protestano per l’aumento ingiustificato del prezzo del gasolio, e lo fanno perché non possono permettersi l’imposizione.
L’ecologia non significa aumento delle tasse e carovita. I cambiamenti climatici non possono essere combattuti con provvedimenti penalizzanti gli stili di vita della gente, con il rincaro dei carburanti, con l’aumento delle tasse e con imposizioni nei consumi, questi finiranno per alimentare solo malessere ed avversione.

Se si vuole immettere meno CO2 in atmosfera occorre farlo, attraverso trasporti e logistica, con la tecnologia, uso dell’elettricità, investendo in TAV e incentivando l’intermodalità.

Noi di Active Logistics crediamo veramente che una nuova impostazione del modello logistico sia possibile, incentivando controlli e combinando soluzioni di trasporto coerenti con i principi di efficienza, riduzione dei costi, sicurezza e rispetto dell’ambiente.