Incoterms 2020: quali cambiamenti?

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Ogni dieci anni la Camera di Commercio Internazionale aggiorna gli Incoterms per riflettere le attuali usanze commerciali.

I nuovi Incoterms sono in fase di elaborazione da parte di un Comitato di esperti che per la prima volta include rappresentanti dalla Cina e dall’Australia, sebbene la maggior parte dei memebri sia europea. Questi entreranno in vigore il 1° gennaio 2020.

Di seguito riportiamo i principali cambiamenti per il progetto Incoterms 2020.

RIMOZIONE DI INCOTERMS EXW e DDP:
Questo sarebbe un cambiamento molto importante in quanto EXW è un Incoterm utilizzato in molte aziende con poca esperienza di esportazione e DDP è usato per meci inviate tramite corrieri espressi che trattano con tutte le procedure doganali fino alla consegna all’indirizzo dell’acquirente. La giustificazione per eliminarli entrambi è che si tratta di operazioni domestiche: nel caso di EXW dal venditore-esportatore e in DDP da importatore -importatore.

RIMOZIONE DI INCOTERMS FAS:
FAS (Free Alongside Ship) è un Incoterm molto poco usato e viene utilizzato quando la merce viene consegnata nel porto di partenza nel paese dell’esportatore. Inoltre, FAS viene utilizzato solo per l’esportazione di alcuni prodotti (minerali e cereali) e, in questo senso, il Comitato di Redazione sta valutando la convenienza di creare un Incoterm specifico per questo tipo di prodotti.

DAT:
Questo è l’unico acronimo che subirà un cambiamento. Attualmente DAT significa “Delivered at terminal”, diverse organizzazioni hanno riportato come questo acronimo venga interpretato in modo errato, comprendendo nella parola “terminal” l’utilizzo di un terminale doganale. Per assicurarsi la piena comprensione di questo acronimo, è stato modificato in DPU “ Delivered at Place Unloaded.

FORMULAZIONE DEGLI ACCORDI
Altri cambiamenti proposti sono indotti da una motivazione a fornire una formulazione più chiara degli accordi in modo che i professionisti possano eventualmente incontrare meno discussioni sull’esecuzione degli Incoterms. Il testo proposto dagli Incoterms 2020 deve essere chiaro e conciso, accompagnato da esempi chiari e pratici laddove possibile. In questo modo le aziende otterranno migliori intuizioni nelle azioni da compiere consentendo loro di applicare correttamente l’Incoterm scelto.

Nei prossimi mesi, il Comitato continuerà ad incontrarsi periodicamente per affrontare le problematiche relative agli Incoterms 2020 con lo scopo di elaborare una versione che permetta di facilitare gli scambi internazionali tra esportatori e importatori adattandosi ai cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio.